ALL’ALBA È UN BARCA CHE PESCA IN MARE APERTO, A PRANZO UN RISTORANTE PESCHERECCIO, TUTTI I GIORNI È UN’IMBARCAZIONE DA CROCIERA. BRACIAMIANCORA VI RACCONTA L’ORIGINALE INTUIZIONE DI TRE GIOVANI SAVONESI

Questa è la storia di tre giovani pescatori. Tre capitani coraggiosi che hanno deciso d’imbarcarsi in un’avventura che sa di mare e cucina, d’aria salmastra e fritto di paranza. Ogni giorno, quando il cielo è ancora buio, mollano gli ormeggi e fanno rotta verso l’orizzonte. Si lasciano alle spalle la città di Savona con le loro vecchie vite. Vecchie perché solo la passione per ciò che si ama davvero ci rende giovani. E il sogno di una vita per Davide Busca 26 anni non era l’azienda di famiglia per lo smaltimento dei rifiuti. Per Mauro Mantero 27 non era l’edilizia. Per Lorenzo Bergesio 31 non era l’odontoiatria. Tutti e tre infatti sono innamorati pazzi della pesca. Così, quando il sole sorge, loro iniziano a issare le reti. Poi, caricato il pesce, se ne tornano al porto accompagnati dallo sciabordio delle onde che si infrangono sulla banchina.

alalunga1

Ristorante peschereccio a Savona – Da sinistra, Davide Busca, Lorenzo Bergesio e Mauro Mantero. Foto dal profilo Facebook di Alalunga

IL RISTORANTE PESCHERECCIO A SAVONA : L’ALALUNGA CHE NON TI ASPETTI

Ed è proprio qui sulla banchina in via calata Sbarbaro che i savonesi un giorno hanno trovato una sorpresa. Dopo due anni di attività in mare aperto, il peschereccio dei tre ragazzi era diventato un ristorante. Dal 23 dicembre infatti alterna alla pesca il lavoro di ristorazione. E sulla cabina di comando campeggia un’insegna. Uno striscione bianco con a destra un pesce che salta vispo dall’acqua e al centro il nome dell’attività: Alalunga. Alalunga è una taverna mobile per lupi di mare. Sì, perché chi  la frequenta non solo mangia pesce fresco ma, udite udite, partecipa anche a battute di pesca.

alalunga2

Ristorante peschereccio a Savona – L’equipaggio di Alalunga felice di accogliere i suoi ospiti. Foto dal profilo Facebook di Alalunga

IL RISTORANTE PESCHERECCIO A SAVONA : UNA CROCIERA IN LIGURIA

Il ristorante d’inverno è aperto venerdì sabato e domenica, dalle 12 alle 14,30 e dalle 17,30 alle 21. “I nostri clienti − ci raccontano i tre armatori − sono in gran parte savonesi, ma anche croceristi, che puntualmente si lamentano del fatto che molte attività, in questo periodo, sono chiuse”. Ma Alalunga sa come consolare i suoi ospiti. Tutti i giorni carica a bordo un massimo di 12 passeggeri e solca il mare increspato. Fa vivere loro l’emozione indimenticabile di una giornata di pesca, per non parlare degli splendidi paesaggi della costa ligure. L’obiettivo dell’equipaggio infatti è trasmettere la passione per il mare e aiutare a risollevare un settore in crisi.

alalunga4

Ristorante peschereccio a Savona – preparazione dei cartocci di fritto misto. Foto dal profilo Facebook di Alalunga

IL RISTORANTE PESCHERECCIO A SAVONA : UN SOSTEGNO ALLA PESCA

E finora i tre amici hanno stabilito un ottimo rapporto con i pescatori storici della darsena. Ci spiegano : “Gli compriamo il pesce a un prezzo maggiore rispetto a quello dei grossisti”. Qualche ristoratore ha storto il naso ma probabilmente non hanno capito “che si potrebbe collaborare tutti assieme”. Per quanto riguarda le istituzioni, invece, nessun ostacolo è stato posto al progetto.

Ed eccoli lì dunque Davide Mauro e Lorenzo ad accogliere sorridenti i loro ospiti sul peschereccio ormeggiato. Barba incolta, cappello blu con pon pon rosso, in perfetto stile artisti di mare, salopette e maglione. Pronti per un’avventura con chiunque voglia condividere la loro passione. Mare e tecniche di pesca nel rigoroso rispetto della natura.

alalunga3

Ristorante peschereccio a Savona – Panino con hamburger di pesce. Foto dal profilo Facebook di Alalunga

IL RISTORANTE PESCHERECCIO A SAVONA : UN MENÙ PER TUTTE LE STAGIONI

Ma dopo una giornata di fatica, giunge finalmente l’ora del pranzo. Mentre lo stomaco incomincia a brontolare, il pescato viene lavorato nel laboratorio di via Torino. Pochi minuti d’attesa e i clienti sono già serviti. Il menù si compone di due sole portate: cartocci di fritto misto e panini con hamburger di pesce. Gli hamburger sono preparati con carni di pesce simili al tonno: la palamita, l’alletterato e il tombarello. Poi, cotti alla griglia, vengono messi in panini farciti con pomodoro insalata e maionese. Mentre i cartocci di fritto misto sono riempiti con triglie, luccio mediterraneo e nasello. Più totano e calamaro a seconda della stagione. E da bere un birra artigianale a chilometro zero. Un menù per tutte le stagioni, quindi, quello dei tre giovani pescatori. Anche d’estate, quando il ristorante sarà aperto solo a sera tutti i giorni dalle 18 alle 23.

 di Gianluca Bianchini 21/01/2017