VEGANO STAMMI LONTANO! VOLANO STRACCI E  AL MERCATO ROMANO DI TESTACCIO DOVE UNA RUSPANTE PESCIVENDOLA HA REAGITO ALLE CONTINUE PROVOCAZIONI DELL’ADIACENTE VEGAN STORE. GUARDATE IL VIDEO AL GRIDO “VIVA LA PESCIVENDOLA!!”

Volantini e magliette animaliste appese accanto a formaggi di germogli e fettine di seitan, a pochi metri un articolo di giornale appicicato al muro: “Come una dieta 100% vegana ha fatto ammalare questa bambina”. I resti di una battaglia che si consuma da settimane, tra i banchi del mercato coperto di Testaccio. Sul ring mondo vegano e mondo carnivoro, vicini di box. Barbara è al numero 83, ha aperto il suo Vegan Store da tre mesi, e non è la benvenuta.

La vegana e la pescivendola

La vegana e la pescivendola

“All’inizio sembravano tutti gentili – ci racconta – poi hanno iniziato a chiedermi di togliere i volantini, e poi che la musica era troppo alta, e poi ancora che l’incenso dava fastidio, sono anche venuti i vigili che però gli hanno detto che era tutto legale, non c’è scritto da nessuna parte che io non posso unire alla mia attività commerciale anche quella di attivista”.

manifesto antivegano

manifesto antivegano

Vero, certamente non è illegale, ma a loro, macellai e “pesciaroli” storici del rione romano, la nuova arrivata non va giù, specie se diffonde manifesti in cui invita i passanti a non consumare i loro prodotti, carne e pesce. Simona, proprietaria del vicino box pescheria, il 95, è tra i “nemici”. “Tu non puoi arrivare qui e fare come ti pare, il mercato è di tutti, e non puoi dire ai nostri clienti ‘non comprare il prosciutto’ quando noi ci campiamo”. Un clima di tensione che cresce nei giorni. Barbara non piace, perché oltre a vendere merce non in linea con quella del vicinato, apre il banco ai bambini rom che girano nel mercato, fa entrare i clienti con i cani, “tutte cose – continua Simona – che non sono certo igieniche”.

Un’escalation di piccoli episodi fastidiosi, battibecchi, insulti a mezza bocca, culminata l’altro ieri in un alterco più acceso del solito. “Si è avvicinata qui, ha detto ‘ci devo parla’ io?’, mi ha chiesto in malo modo di spegnere l’incenso, le ho detto che anche lei puzzava, di pesce, allora mi ha rovesciato tutti i prodotti dal banco. E mi ha dato una manata”. Questa la versione di Barbara.

Simona non concorda: “Non è vero, non ho colpito lei, ma mi ha detto che chiamava i suoi amici rom e allora gli ho detto ‘mentre li vai a chiamare raccogli le noccioline da terra’. E ho colpito la ciotola. Non lei, lo giuro sulla tomba di mia madre”. Barbara ha chiamato la Polizia, che intervenuta sul posto non avrebbe ritenuto sufficientemente grave il fatto avvenuto. “Mi hanno detto di andare a denunciare al commissariato, ci andrò, e ci andrò con l’avvocato”.

di GINEVRA NOZZOLI per ROMATODAY.IT

GUARDA IL VIDEO http://centro.romatoday.it/testaccio/aggressione-vegana-mercato-testaccio-banco-video.html

LEGGI ANCHE:  PESCI D’ACQUA DOLCE DA FARE ALLA GRIGLIA http://www.braciamiancora.com/wdp/?p=565

LEGGI ANCHE: DIECI COSE DA DIRE A UN VEGANO QUANDO INIZIA A ROMPERE LE SCATOLE http://www.braciamiancora.com/wdp/?p=631

LEGGI ANCHE: CRUCIANI LA ZANZARA CARNIVORA CHE DEMOLISCE I VEGANI http://www.braciamiancora.com/wdp/?p=1884 

ironia vegan

ironia vegan