HomeRubricheNews10 LUOGHI COMUNI DA SFATARE SULLA PASTA: ORGOGLIO TRICOLORE ALL'ESTERO

10 LUOGHI COMUNI DA SFATARE SULLA PASTA: ORGOGLIO TRICOLORE ALL'ESTERO

PUBBLICATO IL

spot_img

LA PASTA E’ UNO DEGLI ELEMENTI FONDAMENTALI DEL PATRIMONIO CULINARIO ITALIANO E FORSE IL PIU’ IMPORTANTE. MA ESISTONO DELLE CREDENZE SBAGLIATE E DEI LUOGHI COMUNI CHE VANNO DEMOLITI PER CONOSCERE A FONDO L’ALIMENTO PIU’ APPREZZATO ALL’ESTERO

1) Kamut. Si pensa sia adatto a celiaci ma non è così poiché contiene glutine. E’ un tipo di grano sicuramente buono,che ha un più elevato contenuto di proteine e sali minerali come selenio, zinco e magnesio. Inoltre, grazie all’alta percentuale di lipidi contenuti, è un cereale perfetto per atleti e per tutti coloro che necessitano alimenti energetici. Non è vero che è egizio e  antico poiché trattasi di un brand commerciale che la società Kamut International ltd (K.Int.) ha posto su una varietà di frumento, registrata negli Stati Uniti con la sigla QK-77. Inoltre+  coltivato e venduto in regime di monopolio.

2) Micotossine. Su Internet si legge che l’Ue nel 2006 abbia alzato i livelli accettati di micotossine presenti nel grano duro, di modo che tanti Paesi potranno produrre grano duro in climi non adatti badando solo alla quantità, distruggendo i contadini del sud Italia il cui grano non contiene micotossine. La presenza di micotossine in realtà non è determinata dalle condizioni climatiche di un Paese, casomai da una cattiva conservazione e dalle condizioni in cui viene stoccato il prodotto. Nel 2006 l’Unione Europea ha fissato per la prima volta i limiti di micotossine consentiti nel grano duro e nella pasta (Reg. CE 1881/2006). I limiti europei, tra l’altro, sono tra i più rigidi a livello mondiale.

3)Trafile al bronzo. Questa tecnica di produzione non determina l’ottima qualità del prodotto che invece è determinata da diversi fattori come la materia prima e l’arte del pastaio. “La differenza che c’è tra una trafila al bronzo e una al teflon è l’omogeneità del risultato. Con una trafila in teflon  la pasta risulterà più liscia, quindi adatta a certi tipi di sughi, come aglio e olio oppure cacio e pepe. Invece, con la trafila al bronzo la superficie resta più ruvida per condimenti più corposi.

4) Grano sterile. Altra opinione diffusa è che gli agricoltori utilizzino un grano sterile. In realtà è vero che preferiscono del grano selezionato per il periodo della semina che assicura una resa migliore. Il grano che viene trebbiato germoglia e si riproduce come tutte le piante.

5) Pentola a pressione. Cuocere la pasta nella pentola a pressione rappresenta una soluzione ideale per risparmiare tempo, acqua ed energia. Basta mettere tutti gli ingredienti, sugo compreso, e il gioco è fatto. Si può poi destinare l’acqua di cottura ricca di sali minerali ed amido ad altri usi come lavare i piatti, cuocere le verdure al vapore o pediluvi contro il gonfiore degli arti inferiori. Anche la cottura passiva è utile in questi casi: basta spegnere il gas quando l’acqua riprende il bollore dopo aver buttato la pasta. Cuocerà lo stesso a puntino, ma si risparmieranno 5-8 minuti di gas.

 6) “Di grano duro selezionato”. E’ una dicitura molto generica, che in sé non dice niente. Non è garanzia di genuinità e qualità. La stessa qualità del frumento differisce a seconda della varietà utilizzata, del periodo di raccolta, della zona di coltivazione, delle modalità di coltivazione e conservazione della granella.

7) A bassa temperatura. I primi pastifici sfruttavano il vento per essiccare la pasta e di conseguenza i tempi erano molto lunghi, potevano addirittura passare dei giorni prima della completa essiccatura. Oggi la pasta viene essiccata in essiccatoi e i tempi variano a seconda dei formati e delle tecniche di produzione. Anche le temperature variano: possono essere basse, intorno ai 70-75 °C, fino anche ai 60 °C, o più alte, 85 °C e oltre. Dipende dalle caratteristiche del grano e dall’abilità del pastaio scegliere la temperatura più adatta per valorizzare la materia prima e non distruggere i principi nutritivi.

 8) Sciacquare la pasta. Giusto o sbagliato?. Niente di più errato. Questo gesto priverà difatti la pasta dell’amido, impedendo così alle salse di aderire bene. Qualcuno, probabilmente per tradizione, è solito aggiungere un filo d’olio nell’acqua di cottura, un “trucco” per evitare che la pasta si attacchi. In questo caso l’olio è assolutamente inutile!  E’ più indicato girarla ogni tanto con una forchetta dal basso verso l’alto.

 9) Acqua torbida o chiara? Non è un metro di giudizio valido per capirne la qualità assoluta. Alcune paste rilasciano più amidi e questo aiuta a renderle più collose e quindi a trattenere  meglio i sughi. Dipende quindi dal tipo di condimento che si intende usare scegliere una pasta che rilasci più o meno amido.

 10) Come si riconosce la qualità della pasta? La parola d’ordine in questi casi è provare. In Italia abbiamo diverse marche tutte qualitativamente buone quindi basta solo scegliere quella che più piace. Poi anche una stessa marca può non piacere in tutti i formati.

di Donatella Carriera 15/06/2015

Kamut
Kamut

 
La fase dell'essiccazione della pasta
La fase dell’essiccazione della pasta

Acqua per la pasta: torbida o chiara?
Acqua per la pasta: torbida o chiara?

Gli ultimi Articoli

COME BRACIAMIANCORA HA SCELTO LE MIGLIORI 21 STEAKHOUSE D’ITALIA

UNA CLASSIFICA CHE HA SCOSSO IN MODO POSITIVO IL MONDO DELLA CARNE Eccellenza con la...

DIMMI CHE PIZZA VUOI E TI DIRO’ CHE FORNO PRENDERE

FORNO PER PIZZA PROFESSIONALE: GUIDA SU COME ORIENTARSI  Il momento in cui occorre procedere alla...

GRIGLIATORI IN TRATTORIA: BUONA LA PRIMA CON OLTRE 300 MILA VIEW IN 3 GIORNI

GRIGLIATORI IN TRATTORIA, IL NUOVO FORMAT DI BRACIAMIANCORA, PARTE CON IL BOTTO: OLTRE 300...

PERCHE’ L’ALLEVAMENTO ESTENSIVO E’ LA VIA PER AVERE CARNE GIUSTA

PRATICHE SOSTENIBILI, MAGGIORE ATTENZIONE DELL'UOMO, PASCOLI E ALLEVAMENTO ESTENSIVI: TUTTI PARAMETRI CHE CI SPIEGANO...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

COME BRACIAMIANCORA HA SCELTO LE MIGLIORI 21 STEAKHOUSE D’ITALIA

UNA CLASSIFICA CHE HA SCOSSO IN MODO POSITIVO IL MONDO DELLA CARNE Eccellenza con la...

DIMMI CHE PIZZA VUOI E TI DIRO’ CHE FORNO PRENDERE

FORNO PER PIZZA PROFESSIONALE: GUIDA SU COME ORIENTARSI  Il momento in cui occorre procedere alla...

GRIGLIATORI IN TRATTORIA: BUONA LA PRIMA CON OLTRE 300 MILA VIEW IN 3 GIORNI

GRIGLIATORI IN TRATTORIA, IL NUOVO FORMAT DI BRACIAMIANCORA, PARTE CON IL BOTTO: OLTRE 300...