ENTUSIASMO E FANTASIA: ECCO COME SI ORGANIZZA UNA CENA STELLATA IN UNA TELECABINA

A MADONNA DI CAMPIGLIO (TRENTO) LE TELECABINE DELLA PINZOLO-CAMPIGLIO EXPRESS SONO STATE TRASFORMATE IN UN RISTORANTE PANORAMICO TAVOLI ELEGANTI SPETTACOLO PAESAGGISTICO E PIATTI GOURMET HANNO RESO L’ESPERIENZA INDIMENTICABILE VI SPIEGHIAMO COME E’ STATO POSSIBILE ORGANIZZARE UNA CENA STELLATA TRA LE VETTE DELLE DOLOMITI

Ogni anno la Proloco di Madonna di Campiglio organizza un evento unico nel suo genere: una cena ad alta quota su una telecabina a 1700 metri d’altezza. Lo scenario è tra i più incantevoli. I commensali sospesi in cielo si vedono scorrere davanti le imponenti Dolomiti di Brenta, i rigogliosi boschi trentini e le tipiche case contadine che da queste parti chiamano masi.

Quest’anno la cena, giunta alla sua terza edizione, è stata organizzata venerdì 22 luglio; ha servito 150 coperti e come in passato si è ispirata a un’idea ben precisa: “proporre la cucina trentina in chiave gourmet con in più un panorama mozzafiato,” afferma Alberta Voltolini, responsabile dell’area comunicazione dell’azienda del turismo di Madonna di Campiglio.

Dalle parole di Alberta è facile intuire quanto sia emozionante un’esperienza di questo tipo, che a cena si tinge del rosso del tramonto e continua con un ricco buffet su una terrazza rinfrescata dalla brezza di montagna. Più difficile invece è capire l’aspetto organizzativo.

Per chi non ha partecipato all’evento infatti non sono chiare un paio di cose. Non è chiaro dove e come abbiano lavorano gli chef e soprattutto come abbiano fatto i camerieri a servire i piatti su una telecabina in movimento.

Cena stellata in telecabina

CENA STELLATA IN UNA TELECABINA

“La telecabina è partita da una terrazza montata al centro di Madonna di Campiglio,” spiega Alberta. Per preparare la terrazza è stata dunque chiamata una squadra di operai al lavoro già in prima mattinata. Una volta montata la terrazza, gli organizzatori l’hanno subito allestita con luci e tavoli da buffet. Ce n’erano in programma due: uno prima e l’altro dopo cena. Nel tardo pomeriggio sono arrivati finalmente gli ospiti desiderosi di sedere a un tavolo apparecchiato per quattro persone. Un tavolo elegante pronto a sollevare i commensali oltre i 1600 metri d’altezza.

“Ogni tavolo costa 450 euro e volendo può ospitare una sola coppia,” spiega Alberta, la quale precisa che il prezzo in tal caso non cambia, rimane sempre quello. Alle 19 la telecabina è partita viaggiando a una velocità minima così da non far tremare le stoviglie e permettere ai commensali di mangiare senza problemi.

IN PROGRAMMA ANCHE UNA STEAKHOUSE VOLANTE

“In ogni stazione c’è uno chef, il quale, aiutato dal suo staff, impiatta le portate e le passa a un cameriere, che a sua volta le porta nella telecabina”, racconta Alberta. Dunque, tante fermate tanti piatti (antipasto, primo, piatto di mezzo, secondo e dolce) più le rinomate bollicine delle cantine Ferrari.

La cena stellata in telecabina è durata 50 minuti, lasciando soddisfatti tutti i commensali, i quali hanno gradito sia il panorama sia il menù, per non parlare del buffet caratterizzato da tanta musica e voglia di divertirsi. Riguardo al menù, questo è stato firmato da quattro importanti ristoranti campigliani (Stube Hermitage, Il Gallo Cedrone, Semola Fina e Due Pini). A parte guance di vitello e salmerino, però, di carni, quelle frollate e marezzate, non se ne sono viste.

Ma non è detto che in futuro la Pinzolo Campiglio express non si possa trasformare in una “steakhouse” volante. Gli organizzatori ne stanno già parlando. Ad ogni fermata una bistecca e ad ogni bistecca il vino più adatto a una Tomahawk, a un Entrecote o una Ribeye. Monitorate dunque il seguente link (campigliodolomiti.it/esperienze) perché a breve il sogno di una Fiorentina in telecabina potrebbe diventare realtà.

di Gianluca Bianchini 26/07/2022