HomeArticoliGRIGLIATORI IN TRATTORIA: BUONA LA PRIMA CON OLTRE 300 MILA VIEW IN...

GRIGLIATORI IN TRATTORIA: BUONA LA PRIMA CON OLTRE 300 MILA VIEW IN 3 GIORNI

PUBBLICATO IL

spot_img

GRIGLIATORI IN TRATTORIA, IL NUOVO FORMAT DI BRACIAMIANCORA, PARTE CON IL BOTTO: OLTRE 300 MILA VIEW IN 3 GIORNI PRONTE ALTRE PUNTATE PER RACCONTARE L’ITALIA CHE AMA SEDERSI A TAVOLA SENZA FRONZOLI

Grigliatori in Trattoria è il nuovo format video di Braciamiancora e dopo appena 72 ore dalla messa on line ha registrato oltre 300 mila views ( 107 mila su Youtube e 197 mila su Facebook), numeri importanti che decretano un chiaro “Buona la prima”.

Il format, disponibile sul canale Youtube e sulla pagina Facebook di Braciamiancora, ha come obiettivo quello di raccontare le trattorie di paese che caratterizzano le nostre province, piccoli ristoranti a spesso trazione familiare dove una carbonara si può pagare 3 euro e una braciola di maiale 4 euro.

In Italia oggi nessuno racconta questo tipo di ristorazione, considerata poco instagrammabile e quindi poco fashion, ma così si corre il rischio di dimenticare tantissime trattorie che poi sono lo specchio di una Italia sincera e che silenziosamente prepara da mangiare a tanti italiani“, spiega Michele Ruschioni, fondatore di Braciamiancora e autore di questo nuovo format.

Grigliatori in trattoria – Michele Ruschioni

GRIGLIATORI IN TRATTORIA: UN VOLTO FEMMINILE TRA LE TRATTORIE

A fare da spalla a Michele Ruschioni in questo nuovo format ci sara’ Paola Marsella, chef esperta in carni e già premiata come Best Italian Grill Chef nel 2019, che spigliata di fronte alle telecamere fornisce alcuni spunti tecnici sui piatti che arrivano a tavola. Nella prima puntata il duo Ruschioni Marsella è andato a mangiare alla “Cantina da Oliva”, trattoria super rustica a Pontecorvo, in provincia di Frosinone, nel cuore della Ciociaria. “La nostra visita ha generato tantissimo clamore sui social, tanto che Fanpage ha subito ripreso la notizia che ci siano ancora posti dove si può pagare così poco“, spiega Ruschioni.

Il pubblico apprezza questo format perchè ama il racconto popolare che il cibo declinato in questa versione può portare, veniamo da due anni di restrizioni e regole severe e questo spinge alla voglia di socialità che in trattoria trova il suo luogo ideale“, il punto di vista di Ruschioni.

GRIGLIATORI IN TRATTORIA Chef Paola Marsella

GRIGLIATORI IN TRATTORIA: TANTI VIDEO E TANTE CALORIE 

La prima puntata di Grigliatori in Trattoria è il video numero 206 del canale Youtube di Braciamiancora che in in 4 anni ha registrato oltre 130 mila iscritti.

Sono tutti capaci ad aprire un canale Youtube, ma oltre il 90% dei canali che vengono attivati non vanno oltre il decimo video o smettono di pubblicare dopo il prima anno di vita, non è facile far diventare un canale Youtube un punto di riferimento serio con tanti iscritti e molte view. La conferma sono quegli chef che si improvvisano attori, aprono un canale, caricano quattro cinque video, per lo più di ricette che non guardano nemmeno i familiari, e poi abbandonano la nave perchè il pubblico, come è normale che sia, non se li fila. Ci vuole programmazione, capacità di intercettare quello che vuole il pubblico, un po’ di fortuna e conoscere la grammatica del social dove andrai a pubblicare i contenuti”, spiega Ruschioni.

GRIGLIATORI IN TRATTORIA Chef Marsella e Michele Ruschioni 

Ma come si mangia in queste trattorie? A questa domanda risponde la chef Marsella: ” se cercate una cucina elaborata lasciate perdere, se invece vi piace la cucina genuina e senza sovrastrutture e che ti porta in tavola quello che trova al mercato la mattina potete varcare tranquillamente le porte di una trattoria di paese. Queste cucine badano al sodo, magari non ti porteranno la carbonara con la cremina, ma sicuro mangerete con gusto”. 

Il prossimo appuntamento è top secret, dopo l’uscita del primo video sono arrivate centinaia di segnalazioni. Michele e Paola stanno selezionando in questi giorni il posto giusto.

 

Articolo scritto per Braciamiancora da Manlio Grey 

Gli ultimi Articoli

DIMMI CHE PIZZA VUOI E TI DIRO’ CHE FORNO PRENDERE

FORNO PER PIZZA PROFESSIONALE: GUIDA SU COME ORIENTARSI  Il momento in cui occorre procedere alla...

PERCHE’ L’ALLEVAMENTO ESTENSIVO E’ LA VIA PER AVERE CARNE GIUSTA

PRATICHE SOSTENIBILI, MAGGIORE ATTENZIONE DELL'UOMO, PASCOLI E ALLEVAMENTO ESTENSIVI: TUTTI PARAMETRI CHE CI SPIEGANO...

L’AZIENDA AGRICOLA A UN PASSO DA ROMA DI CUI CI SIAMO INNAMORATI

VICINO ROMA L'AZIENDA AGRICOLA DOVE DOVREMMO TUTTI FARE LA SPESA  A pochi km dal raccordo...

SUGO ALLA GENOVESE, UN TESORO AI PIEDI DEL VESUVIO

IL SUGO ALLA GENOVESE E' UN PIATTO MOLTO APPREZZATO DAI NAPOLETANI FA PARTE DELLA...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

DIMMI CHE PIZZA VUOI E TI DIRO’ CHE FORNO PRENDERE

FORNO PER PIZZA PROFESSIONALE: GUIDA SU COME ORIENTARSI  Il momento in cui occorre procedere alla...

PERCHE’ L’ALLEVAMENTO ESTENSIVO E’ LA VIA PER AVERE CARNE GIUSTA

PRATICHE SOSTENIBILI, MAGGIORE ATTENZIONE DELL'UOMO, PASCOLI E ALLEVAMENTO ESTENSIVI: TUTTI PARAMETRI CHE CI SPIEGANO...

L’AZIENDA AGRICOLA A UN PASSO DA ROMA DI CUI CI SIAMO INNAMORATI

VICINO ROMA L'AZIENDA AGRICOLA DOVE DOVREMMO TUTTI FARE LA SPESA  A pochi km dal raccordo...