INCHINATEVI DI FRONTE A SUA MAESTA' IL CARCIOFO: ALLE PORTE DI ROMA SI CELEBRA QUESTO PRODOTTO CON UNA SAGRA DEDICATA

 TUTTO PRONTO PER LA 65° EDIZIONE DELLA SAGRA DEL CARCIOFO ROMANESCO DAL 10 AL 12 APRILE. UNA TRE GIORNI RICCA DI DEGUSTAZIONI CHE RACCONTANO UN PRODOTTO PROTAGONISTA DELLA NOSTRA TAVOLA. E C’E’ CHI NE HA FATTA UNA BIRRA

A Ladispoli, cittadina alle porte di Roma, sabato e domenica si festeggia il carciofo romanesco. Festa rinomata e conosciuta che ogni anno vanta un numero considerevole di appassionati offre la possibilità di assaggiare e promuovere anche altre perle della tradizione culinaria italiana, provenienti da tutte le regioni della Penisola. Oltre agli assaggi dello squisito carciofo, nelle sue diverse varianti che cambiano da regione a regione, sono previsti spettacoli, performance musicali, cabaret e giochi pirotecnici che renderanno Ladispoli una vera festa a cielo aperto. Il carciofo per le sue caratteristiche e qualità organolettiche ha ottenuto l’Indicazione Geografica Protetta (IGP) nel 2002 (Regolamento CE n. 2066/02) come “Carciofo Romanesco del Lazio IGP”. Il prodotto annovera in sé effetti benefici per la salute che contribuiscono a migliorare la digestione, rappresentando un diuretico naturale e migliorando la produzione dei succhi digestivi. Gli effetti positivi delle foglie di carciofo sul fegato e sulla riduzione del colesterolo sono stati studiati dal punto di vista scientifico, con buoni risultati. Oltre ad alleggerire il lavoro del fegato, i carciofi risultano benefici per i reni e per la cistifellea, che si troveranno a dover affrontare un minor carico di tossine oltre a possedere spiccate proprietà depurative.

Per rendere omaggio al carciofo, simbolo della cultura e della gastronomia mediterranea, il Birrificio Aurelio presenta CarciofAle, l’ultima birra a base di carciofo e nello specifico nasce dall’incontro tra il luppolo e il carciofo. Il Birrificio, nato pochi anni fa nel litorale, produce raffinati tipi di birra, già molto apprezzati in Italia e in Europa. Con CarciofAle l’obiettivo è quello di un tributo a un prodotto ma anche ad una terra ricca di eccellenze gastronomiche, ma spesso troppo poco valorizzate.

Come si sposa il carciofo con la griglia? Ottimamente. Per preparalro basta seguire alcuni semplici passi. Innanzitutto bisogna eliminare la parte superiore del carciofo farcendolo con aglio peperoncino e olio per poi adagiarlo su una griglia cuocendolo a bassa temperatura a fuoco indiretto. Se volete insaporire ulteriormente la ricetta a metà cottura aggiungete del formaggio a pezzetti all’interno del carciofo.
FASE 1: tagliare la parte superiore dei carciofi avendo cura di non eliminare le foglie esterne dure. Capovolgere i carciofi e tenendoli per il fondo battere la parte tagliata sul tagliere in modo che si schiuda leggermente.
FASE 2: a parte in un piatto unite tutti gli altri ingredienti avendo cura di tritare finemente l’aglio e il peperoncino.
FASE 3: disporre i carciofi sulla brace con la parte tagliata verso l’alto e farcirli con il condimento preparato. Cuocere i carciofi finchè le foglie dure esterne carbonizzate, dal momento che hanno fatto da recipiente di cottura.
FASE 4: Servire subito a tavola, i carciofi alla brace vanno mangiati sfogliandoli come al solito fino ad arrivare al tenerissimo e saporitissimo fondo.
Veronica Poto
 

65esima sagra del carciofo
65esima sagra del carciofo

 
carciofipiastra
Carciofi grigliati

 
170420111339
La sagra del carciofo romanesco a Ladispoli