VINITALY 2015: UNA MANIFESTAZIONE TUTTA DA BERE

AL VIA VINITALY 2015, IL PIU’ GRANDE SALONE INTERNAZIONALE DEDICATO AL MONDO DEI VINI E DEI DISTiLLATI IN PROGRAMMA A  VERONA DAL 22 AL 25 MARZO

E’ tornata la più grande manifestazione del settore. Più di 4mila aziende da 24 paesi, operatori specializzati attesi da 120 nazioni del mondo, in rappresentanza di tutti i continenti, e oltre 90mila metri quadrati espositivi netti: sono questi i numeri della 49esima edizione di Vinitaly 2015. Una vetrina importante per sponsorizzare vini e distillati di prima qualità, annoverando i big del Prosecco e dell’Amarone ai piccoli vignaioli indipendenti, dai grandi nomi delle “ammiraglie” del vino alle aziende emergenti che scommettono su etichette inedite e innovative. Le basi per partire e farlo bene ci sono. Nello specifico il programma della manifestazione prevede una quattro giorni, fino a mercoledì, dedicati al business, alla cultura e alla formazione nel settore vitivinicolo con  degustazioni a tema, seminari e convegni, compresa la presentazione delle tappe venete del Giro d’Italia.

Slide-Vinitaly
SLOGAN VINITALY 2015

Protagoniste saranno  le aziende della regione Veneto, in totale 513:  in testa ovviamente Verona con 229 presenze, seguita da Treviso con 181 imprese, Vicenza con 40, Padova con 34, Venezia con 29. Tra le migliaia di etichette spiccano le 52 denominazioni venete, in particolare le 14 Docg (denominazione di origine controllata e garantita), le 28 Doc e le 10 Igt. Un patrimonio sempre più apprezzato anche all’estero, considerato che l’export che vale più di 1,6 miliardi di euro (dati Nomisma) e regala performance da record. L’offerta infatti si arricchisce di proposte provenienti dall’estero per far conoscere il patrimonio vitivinicolo internazionale. In arrivo a Verona operatori specializzati e buyer da tutti i cinque continenti.

7
VINI IN ESPOSIZIONE

In contemporanea al Vinitaly si svolgono anche Sol&Agrifood, rassegna sull’agroalimentare di qualità ed Enolitech, il salone che anticipa le innovazioni tecnologiche applicate alla filiera del vino e dell’olio.L’indirizzo che sta emergendo è che l’azienda vinicola o olearia sarà destinata ad essere sempre più ecosostenibile, automatizzata e interconnessa. Enolitech è anche offerta dei più avanzati sistemi informatici sviluppati per le cantine o frantoi 2.0. Vinitaly non è solo business. I quattro giorni scaligeri saranno anche molto glamour. Scontata la presenza dei big nazionali della politica, oltre a Martina, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti e il primo ministro Matteo Renzi, la kermesse ospiterà artisti, musicisti, giornalisti, modelle. Di sicuro ci sarà Oliviero Toscani, di ritorno in Veneto nelle vesti di produttore che assumeranno anche Massimo D’Alema e Bruno Vespa. Confermata anche la presenza di Maria Grazia Cucinotta, di Neri Marcorè e dell’olimpionica Elisa Di Francisca, così come quella di miss Italia Clarissa Marchese.

di Davide Perillo – 22 marzo 2015