HomeRubricheNewsECCO PERCHÉ CAMIONISTI IN TRATTORIA CI PIACE (TANTO)

ECCO PERCHÉ CAMIONISTI IN TRATTORIA CI PIACE (TANTO)

PUBBLICATO IL

spot_img

CHEF RUBIO CI HA ABITUATI AI COOKING SHOW CHE CI PIACCIONO E CAMIONISTI IN TRATTORIA NON È DA MENO SE QUANDO VEDETE I TIR PARCHEGGIATI FUORI DAL RISTORANTE SCAPPATE, NON GUARDATE QUESTO PROGRAMMA E, FORSE, NON DOVRESTE LEGGERE BRACIAMIANCORA.

Camionisti in Trattoria è il nuovo programma di chef Rubio, in onda su DMAX. Il format del programma, manco a dirlo, sono le trattorie di strada. Luoghi dove si spadella alla grande e nei quali si fermano, tra una tratta e l’altra,  i camionisti per mangiare. “Lì si fermano i camionisti, di sicuro si mangia bene”: più che un detto, questa è una verità. Il ruspante Rubio lo sa bene ed eccolo quindi protagonista di una nuova avventura gastrotelevisiva:  andare in giro per trattorie con personaggi davvero pittoreschi.

camionisti in trattoria rubio
AL VINCITORE DI PUNTATA VA IL CALENDARIO DI RUBIO

I COOKINK SHOW CHE CI PIACCIONO

Ci sono due tipi di cooking show: quelli veri e quelli finti. Chef Rubio ci ha abituati a format autentici, senza le mega-cucine con più stelle che sostanza. Qui una sua intervista in esclusiva per Braciamiancora, erano i tempi di Unti e Bisunti. Camionisti in Trattoria non vi mostrerà chef stellati, non vuole insegnarvi ricette di chissachi o da chissadove. Piuttosto vuole raccontare una realtà, quelle delle piccole trattorie, che è umana più che culinaria. Attraverso Rubio conosciamo personaggi che sembrano usciti dalla penna di uno scrittore, unici nel loro genere, temprati da un lavoro usurante. I camionisti sono persone isolate, abituati a farsi chilometri su chilometri da soli, con l’asfalto come unico compagno di viaggio. Il momento del pasto si tinge quindi di significati che vanno ben oltre la necessità di sfamarsi: hanno bisogno di calore e sorrisi familiari oltre che mangiare bene e tanto.

camionisti in trattoria rubio zingaro
LO ZINGARO

CAMIONISTI IN TRATTORIA: STORIE DI POSTI AUTENTICI

Attenzione però: se siete abituati ai ristoranti ‘pettinati’, questo programma non fa per voi. Forse nemmeno Braciamiancora fa per voi. A noi piacciono le cose sincere, vere. Non abbiamo bisogno di stelle o di menù ricercati; non vogliamo la doppia posata e sappiamo benissimo che il vino della casa si versa anche nei bicchieri dell’acqua. L’importante è mangiare bene e alzarsi da tavola senza rimpianti e con la pancia piena: se poi il conto è umano ancora meglio.

Genuinità, abbondanza, prezzi modici e familiarità sono le caratteristiche necessarie per essere una trattoria per camionisti. Tutto il resto è superfluo, roba da chef stellati che quando entri nel loro locale ti appendono soprabito ma trascurano l’anima. Noi invece amiamo Mariangela e Silvana, due delle protagoniste femminili della prima puntata di Camionisti in Trattoria. Loro sono le cuoche delle trattorie visitate da Rubio. Accolgono i clienti come se fossero tanti nipoti affamati: “dammi un bacio e dimmi che vuoi da mangiare.” Il menù ce l’hanno, forse, nascosto da qualche parte, giusto perché le normative impongono di averlo. Ma quello che offre la casa lo sanno a memoria sia loro che i clienti.

CAMIONISTI IN TRATTORIA RUBIO
CHEF RUBIO CON ALCUNI PROTAGONISTI DELLA 1° PUNTATA

LE CARATTERISTICHE DI UNA VERA TRATTORIA PER CAMIONISTI

Camionisti in Trattoria è con i dovuti distinguo, la versione on the road di  4 ristoranti di Alessandro Borghese. Per quest’ultimo i criteri di valutazione di un ristorante sono il menù, la location, il servizio e il conto. Per chef Rubio è lo stesso, cambia solo il target di riferimento: i camionisti. Il menù rimane un oggetto misterioso, quello che vogliamo sapere lo dobbiamo chiedere alla padrona di casa. Il servizio, invece, è il fiore all’occhiello di ogni trattoria: no, non ci sono maitre di sala e nemmeno sofisticati sommelier.

Qui per ‘servizio’ si intende il livello di familiarità che si può trovare nel locale ed è molto soggettivo: un camionista che si ferma da anni nello stesso posto conosce perfettamente sia i piatti che le persone che li preparano. Vuole tornare lì perché sa che troverà un piatto caldo e una faccia amica: un luogo accogliente, una casa lontana da casa.

Le location di queste trattorie si assomigliano un po’ tutte. L’indirizzo per raggiungerle è indicato da un chilometro autostradale, all’uscita tot dell’autostrada A-qualcosa, sotto il cavalcavia o vicino al benzinaio. Basta che ci sia abbondante parcheggio. Infine il conto. Quando paghi 2€ per un piatto di gnocchi al ragù fatti in casa, comprensivi di vino e quattro risate, che vuoi di più?

di Giulio Gezzi 15 Dicembre 2018

Gli ultimi Articoli

IL PESCE FROLLATO NON E’ UNA MODA

HO MANGIATO IL PESCE FROLLATO E HO CAPITO CHE NON E' UNA MODA MA...

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL FOOD PORN NON FA SCONTI: IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

IL PESCE FROLLATO NON E’ UNA MODA

HO MANGIATO IL PESCE FROLLATO E HO CAPITO CHE NON E' UNA MODA MA...

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL FOOD PORN NON FA SCONTI: IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...