HomeRicetteCOSCE DI POLLO ALLA PROVENZALE

COSCE DI POLLO ALLA PROVENZALE

PUBBLICATO IL

spot_img

UNA RICETTA FACILE E VELOCE PER PORTARE IN TAVOLA TUTTO IL SAPORE DEL SUD DELLA FRANCIA: ECCO LE COSCE DI POLLO ALLA PROVENZALE

Voglia di vacanze? Le note di “Sapore di sale” riecheggiano nella vostra testa, ma le ferie sono più lontane della Costa azzurra? Con questa ricetta potrete portare un po’ del gusto dei borghi del sud della Francia a casa vostra, senza dovervi così preoccupare di prenotare aereo, albergo e comprare un costume nuovo.

Ecco allora le cosce di pollo alla provenzale. Una ricetta saporita, in cui le spezie della marinata avvolgono e insaporiscono il pollo, dandogli un gusto unico.

Cosce di pollo alla provenzale

COSCE DI POLLO ALLA PROVENZALE – INGREDIENTI

  • 6 cosce di pollo intere di circa 300 g ciascuna

PER LA MARINATA

  • 25 cl di vino bianco secco
  • 5 cucchiai e mezzo d’olio extravergine d’oliva
  • 3 cucchiai di senape con semi
  • 2 cucchiai di erbe provenzali
  • 3 spicchi d’aglio tritati
  • 2 cucchiaini di sale grosso
  • 1/2 cucchiaino di peperoncino di Cayenna in polvere
Cosce di pollo alla provenzale

COSCE DI POLLO ALLA PROVENZALE – PREPARAZIONE

Come prima cosa, preparate la marinata mescolando tutti gli ingredienti in una ciotola. Successivamente, intagliate con un coltello ben affilato la parte carnosa delle cosce in più punti. Mettetele in un piatto poco profondo e versate la marinata. Lasciatele riposare al fresco per 4-8 ore, rigirandole di quando in quando per ricoprirle tutte di marinata.

A scelta, potete anche farle marinare inserendo il tutto in una busta di plastica ermetica (schiacciatela per fare uscire tutta l’aria) e riposta nel frigorifero.

Cosce di pollo alla provenzale

COSCE DI POLLO ALLA PROVENZALE – GRIGLIA

I francesi dicono “Un oeuf aujourd’hui vaut mieux qu’un poulet pour demain(meglio un uovo oggi che un pollo domani). Noi preferiamo aspettare il pollo e grigliarlo. Dopo aver spazzolato a dovere la griglia, realizzate un fuoco a due zone, per una cottura indiretta. Scolate le cosce e fatele cuocere per 50 minuti circa (il pollo va cotto molto, la temperatura interna deve aggirarsi sui 70-80 gradi), girandole una volta e con il coperchio chiuso il più possibile.

Negli ultimi cinque minuti mettete le cosce sul fuoco medio diretto, girandole una volta. Questa fase finale della cottura le renderà più croccanti. Toglietele dunque dalla griglia, separate la parte superiore da quella inferiore (il fuso) della coscia e servite.

E ricordate: al contrario dei pezzi di pollo disossati, quelli con le ossa tendono a bruciare se cotti a fuoco diretto. Ecco perché è consigliato cuocerli a fuoco indiretto.

di Alberto Incerti – 05 giugno 2017

Gli ultimi Articoli

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE UN TEMPO DESTINATA A POCHI E'...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...

CI VUOLE DEL CORAGGIO PER PUBBLICARE LA GUIDA DI BRACIAMIANCORA

SOLO DEI CORAGGIOSI NONCURANTI DEL POLITICAMENTE CORRETTO IN SALSA VERDE POTEVANO PUBBLICARE UNA GUIDA...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE UN TEMPO DESTINATA A POCHI E'...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...