HomeRubricheNewsGHISADU, LO SPEZZATINO CHE PIACE TANTO AI SARDI

GHISADU, LO SPEZZATINO CHE PIACE TANTO AI SARDI

PUBBLICATO IL

spot_img

GHISADU È UNO SPEZZATINO DI CARNE AROMATICO E MOLTO SAPORITO PREPARATO CON LE PRELIBATE CARNI DEL BUE ROSSO DEL MONTIFERRU, UN PIATTO PER GLI AMANTI DELLA BUONA CARNE

Le sue origini sono spagnole e dalla Catalogna, dove ancora oggi si preparano piatti simili, è giunto nel Logudoro. In questa vasta area nordoccidentale dell’isola il Ghisadu o Su Ghisadu si è diffuso nelle tavole isolane e se si traduce il nome  capiremo di che piatto si tratta.

Ghisadu significa “cotto in umido” quindi si tratta di uno spezzatino preparato sia con carne di agnello sia con carne bovina. La seconda versione è quella che ha avuto più successo, anche perché è proprio nella parte nordoccidentale e precisamente nel Montiferru che troviamo il Bue Rosso, un esemplare di razza sardo modicana, le cui carni rendono questa preparazione molto prelibata.

Insomma, una vera e propria prelibatezza per tutti coloro che amano la buona carne. Inoltre, con il sugo ottenuto da questo spezzatino si possono condire i malloreddus più noti come i gnocchetti sardi.

Ghisadu

GHISADU, LA CARNE UTILIZZATA

In passato il Ghisadu veniva preparato con carne di pecora che doveva essere ben condita per smorzarne il sapore forte e deciso. In alternativa si usava carne di agnello castrato, perché più grassa e quindi più adatta alla preparazione.

Nelle tavole delle famiglie più facoltose o comunque durante avvenimenti importanti come le nozze si usava invece il manzo. Il Bue Rosso del Montiferru offre le carni più pregiate e per questa ricetta si consigliano i tagli del quarto anteriore, ad esempio, “la copertina del reale”, e “la copertina della spalla”.

Ghisadu

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • carne di bue rosso, 1kg
  • aglio, 1 spicchio
  • cipolla, 1
  • vino rosso, cannonau o vernaccia, mezzo bicchiere
  • pomodori, 550 grammi
  • brodo di carne q.b.
  • basilico, qualche foglia
  • alloro, qualche foglia
  • rosmarino, un rametto
  • zafferano, q.b.
  • olio evo, q.b.
  • sale, q.b.
  • pepe, q.b

Ghisadu

PREPARAZIONE

Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata. Lavate dei pomodori, incideteli e quando l’acqua giunge ad ebollizione tuffateli nella pentola. Lasciateli cuocere per 10 minuti, poi scolateli, strizzateli leggermente per eliminare i semi, privateli della pelle e tagliateli a tocchetti.

In una pentola già unta con qualche cucchiaio di olio evo mettete un trito a base di aglio e cipolla. Poi tagliate la carne a cubetti e fatela rosolare. Lasciatela cuocere per qualche minuto, mescolando per bene dopodiché sfumate con il vino rosso e unite anche il pomodoro.

Insaporite lo spezzatino con sale, pepe, basilico, alloro, rosmarino e aggiungete un poco di brodo di carne in cui avrete sciolto lo zafferano. Continuate la cottura per altri 15 minuti e il piatto è pronto.

di Gianluca Bianchini 19/09/2023

 

 

 

Gli ultimi Articoli

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE UN TEMPO DESTINATA A POCHI E'...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...

CI VUOLE DEL CORAGGIO PER PUBBLICARE LA GUIDA DI BRACIAMIANCORA

SOLO DEI CORAGGIOSI NONCURANTI DEL POLITICAMENTE CORRETTO IN SALSA VERDE POTEVANO PUBBLICARE UNA GUIDA...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE UN TEMPO DESTINATA A POCHI E'...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...