HomeRubricheNewsIL FUTURO DELLA CARNE CHE MANGIAMO SI DECIDE A VERONA IN QUESTI...

IL FUTURO DELLA CARNE CHE MANGIAMO SI DECIDE A VERONA IN QUESTI GIORNI

PUBBLICATO IL

spot_img

TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SUL MERCATO ITALIANO DELLA CARNE: A VERONAFIERE UNA QUATTRO GIORNI DEDICATA INTERAMENTE AL MONDO DELLA CARNE ITALIANA E AL SUO FUTURO
Domenica 10 Maggio: a Veronafiere è partita la 26/a edizione di Eurocarne, il salone internazionale sulla filiera delle carni in programma fino a mercoledi’ 13 maggio nel quartiere fieristico scaligero. 170 espositori dei quali il 10% stranieri, provenienti da 10 nazioni; sono attese delegazioni di buyer da altri otto paesi, tra i quali Emirati Arabi, Egitto e Marocco. L’obiettivo della manifestazione e’ rilanciare i consumi, in favore di un comparto, quello della carne, che in Italia vale oltre 32 miliardi di fatturato, tra parte industriale e zootecnica, e occupa a oltre 180mila persone. “Per questo – ha spiegato il presidente di Veronafiere, Ettore Riello – e’ prioritario riscoprire e diffondere una vera cultura della carne, che dall’allevamento alla tavola e’ fatta di tradizioni e innovazione costante”.
“Per apprezzare e valorizzare questo prodotto – ha aggiunto – bisogna conoscerlo e servono figure professionali, in macelleria come nei banchi della Grande distribuzione o nei ristoranti, in grado di soddisfare un consumatore sempre piu’ esigente”. La rassegna veronese in particolare accende i riflettori sulle novita’ e sulle esigenze delle filiere delle carni. “Il futuro sara’ in buona parte affidato al cotto, preconfezionato e monoporzione. La materia prima e’ prevalentemente carne bianca, ma con una leggera percentuale di scarto sulle altre tipologie. L’importante e’ che siano piatti veloci” ha spiegato Francesca Santin di ‘Passione Preparati’, partner di Eurocarne in alcuni degli eventi in calendario nei quattro giorni di manifestazione che per la prima volta rappresenta l’intero settore: dall’allevamento e macellazione, passando per l’industria di lavorazione, trasformazione e confezionamento, fino alla distribuzione, nelle sue diverse forme. Tra i trend per rilanciare i consumi, oltre alla qualita’, oggi aiuta anche una preparazione dei piatti che diventa spettacolo. Ecco allora in scena ad Eurocarne in questa giornata inaugurale lo show cooking dei tre concorrenti della quarta edizione di Masterchef Italia, Fabiano Mantovan, Arianna Contenti e il Giuseppe Garozzo.
Sempre oggi ‘Junior Gastromeat’: una gara di cucina tra otto giovani macellai gastronomi giudicati da una giuria di tre professionisti, un tecnico gastronomo, un maestro macellaio ed uno chef. La figura del macellaio, come nelle precedenti edizioni, continua ad essere protagonista. Secondo Gianpaolo Angelotti, presidente di Assomacellai – Fiesa Confesercenti, “chiunque voglia intraprendere il mestiere del macellaio deve necessariamente conoscere i consumi e le dinamiche europee, almeno una lingua e le normative che regolano l’attivita’ del comparto carneo”. Nel calendario degli eventi, poi, la tradizione spagnola di ‘Interporc’ incontra quella italiana con le dimostrazioni di taglio Jamon Serrano a cura del cortador Sergio Bellido e il Tapas Show Cooking dello chef stellato Miguel ngel de la Cruz, in programma martedi’ 12 maggio.
Eurocarne, oltre a proporre corsi di formazione e seminari informativi, traccera’ un percorso quotidiano per una maggiore conoscenza delle tipologie di carne, per carpirne i segreti e apprezzarne le differenze attraverso “Meat Experience, analisi sensoriale dellacarne“, in programma tutti i giorni della manifestazione. Domani si terra’ la tavola rotonda “Cambiano i consumi alimentari. Quale futuro per il reparto carni? Produzione e distribuzione a confronto”, organizzato da Eurocarne con SgMarketing, per individuare nuove strategie di produzione, preparazione e commercializzazione della carne. Le nuove tendenze di consumo saranno al centro anche del convegno “carne e ristorazione moderna: opportunita’ da un canale in evoluzione”, organizzato in collaborazione con Largo Consumo. (Fonte Ansa.it)
ARRIVA MEETBULL PER GARANTIRE UN PRODOTTO 100% MADE IN ITALY
Si chiama Meetbull, e’ un progetto pilota, interamente veneto, che sara’ presentato  lunedi’ 11 maggio, nel corso di Eurocarne, il Salone internazionale della filiera della carne, giunto alla 26/a edizione che si e’ aperto oggi a Veronafiere, dove proseguira’ fino al 13 maggio. Realizzato dall’Associazione regionale allevatori del Veneto (Arav) e dall’Associazione italiana allevatori (Aia), e’ frutto della collaborazione con Unicarve, Azove ed Universita’ di Padova ed approvato dalla Regione Veneto. L’iniziativa e’ nata per avviare una collaborazione tra stalle da latte e stalle da carne, con l’uso di seme sessato e la produzione di ristalli meticci dacarne. Allevatori uniti per riconquistare una dignita’ del lavoro gravemente compromessa dall’ingresso sul mercato di prodotti stranieri e, soprattutto, dalla mancanza di una normativa stringente in fatto di etichettatura e tracciabilita’ del latte e della carne. Una situazione che ha portato ad un livello sempre piu’ basso del pagamento del latte, al punto da non ripagare i costi di produzione e, quindi, ledendo la dignita’ dell’imprenditore. “Si tratta dell’avvio – ha spiegato il presidente di Arav, Floriano De Franceschi – della fase sperimentale della proposta del sistema allevatoriale, approvata dalla Regione Veneto, nata per dare un futuro al comparto veneto della carne, grazie alla messa in filiera delle stalle da latte e da carne“. “In estrema sintesi, il progetto Meetbull – ha concluso De Franceschi – si propone di potenziare la produzione di carne bovina veneta, ottimizzando la rimonta interna delle stalle da latte con il seme sessato, sostituendo la produzione di vitelli maschi delle razze da latte con meticci da carne, di valore commerciale nettamente piu’ alto, per l’approvvigionamento dei nostri allevamenti da carne e garantendo, quindi, un prodotto al 100% made in Italy”. (Fonte Ansa.it)

banco di carne
banco macelleria

Vacca razza bruna
Vacca razza bruna

Eurocarne
Eurocarne

Veronafiere
Veronafiere

 

Gli ultimi Articoli

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...

CI VUOLE DEL CORAGGIO PER PUBBLICARE LA GUIDA DI BRACIAMIANCORA

SOLO DEI CORAGGIOSI NONCURANTI DEL POLITICAMENTE CORRETTO IN SALSA VERDE POTEVANO PUBBLICARE UNA GUIDA...

TI PIACE LA BISTECCA ALLA FIORENTINA E TIFI PER LA CARNE SINTETICA? ALLORA SEI PROPRIO MATTO

LA CARNE SINTETICA NON PUÒ DIVENTARE OGGETTO DI UN DIBATTITO IDEOLOGICO LA VERITÀ È...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...

CI VUOLE DEL CORAGGIO PER PUBBLICARE LA GUIDA DI BRACIAMIANCORA

SOLO DEI CORAGGIOSI NONCURANTI DEL POLITICAMENTE CORRETTO IN SALSA VERDE POTEVANO PUBBLICARE UNA GUIDA...