•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

LA SALSICCIA PIÙ GRANDE DEL MONDO SFIORA I 500 KG SI CHIAMA OS DE STOMÈCH ED È STATA REALIZZATA DA UN MACELLAIO DI LONATO DEL GARDA (BRESCIA) NOI ABBIAMO INTERVISTATO L’AUTORE DI QUESTO RECORD 

“Per un grande evento ci vuole una gran festa” si saran detti i lonatesi qualche tempo prima che iniziasse la sessantesima fiera regionale. E Stefano Savoldi, 38 anni, rinomato macellaio del paese, incoraggiato dagli amici, l’avrà subito buttata giù: “E allora per render memorabile questa festa perché non facciamo qualcosa di grandioso? Che so un os de stomèch gigante!

Così per lo storico appuntamento di sabato 19 gennaio l’allegra cittadina era tutta in piazza per assistere ad un’impresa epica. Un’impresa destinata a restare negli annali, perché, diciamolo, un insaccato così imponente, da mezza tonnellata e lungo oltre due metri, non si era mai visto prima, né in Italia né altrove.

E, infatti, il Guinnes dei Primati presto gli riconoscerà l’ambito record di salsiccia più grande del mondo e a quel punto la festa potrà continuare in un tripudio di bollicine e schiuma di champagne.

LA SALSICCIA PIÙ GRANDE DEL MONDO : L’IMPRESA IN PIAZZA

Ma torniamo all’evento. Sabato 19 la sfida è cominciata in mattinata con un bel sole a presagirne il successo. Quattro ore e mezzo sono infatti bastate all’omone dal sorriso contagioso e ai suoi tre aiutanti per insaccare una montagna di carne già tritata e tagliata a dovere.

Un spettacolo di gran macelleria che ha acceso l’entusiasmo della folla (35 mila persone nel solo fine settimana). In gran parte tutta gente della zona felice che i riflettori fossero puntati su un vanto della gastronomia locale.

Mentre il pensiero di Stefano, a capo chino sul lavoro, era senz’altro rivolto alla moglie, che, a casa, paziente, gli aveva cucito le ottanta vesciche di maiale necessarie a formare il budello. “Una faticaccia di due mesi, – ha confessato – già che non mi ha chiesto il divorzio è un miracolo, vuol dire che mi ama”.

LA SALSICCIA PIÙ GRANDE DEL MONDO : MISURE DA GUINNES

E allora fortuna che c’è l’amore a far miracoli, compreso questo insolito salsiccione da mezza tonnellata. Una mostruosità che ha soffiato via il vecchio primato manco fosse una piuma al vento. Sì ma una piuma bella grossa da 375 chilogrammi. Un record che per la cronaca apparteneva sempre ad un altro os de stomèch lonatese ma dalla forma originale, vale a dire tonda e con una legatura a formare otto spicchi.

Questo, invece, in conformità con le nuove regole del Guiness dei Primati, ha preso l’aspetto di un siluro lungo due metri e 20 per 55 centimetri di diametro e con una potenza calorica di ben sette maiali.

LA SALSICCIA PIÙ GRANDE DEL MONDO – LA SFILATA IN PAESE

Un record va però dimostrato e quindi la super salamella ha dovuto passare prima la prova della pesatura. E qui è venuto il bello. Perché, caricata su un carretto, al traino di una coppia d’asini, è stata portata in processione con a seguito le più alte cariche civili e religiose, accompagnate per l’occasione dalla banda del paese che suonava a festa.

“La sfilata è stata molto emozionante, – ricorda Stefano – la gente ci fermava e ci faceva i complimenti, un’esperienza da pelle d’oca, ci è mancato poco che mi commuovessi”.

E così si è arrivati al momento della verità. Il salsiccione, adagiato su di una barella d’acciaio, è stato sollevato con un  muletto, poi, con estrema perizia, posato sulla bilancia che, per la gioia dei presenti, ha segnato il peso record di 492 chili.

LA SALSICCIA PIÙ GRANDE DEL MONDO : IL RICAVATO IN BENEFICIENZA

Ma la storia della salsiccia più grande del mondo non è certo finita qui. Anzi è continuata fino a domenica 4 febbraio. Quando, dopo esser stata messa a cuocere in un enorme pentolone, è stata tagliata a pezzi e servita ad un pubblico di buongustai. Cinquecento persone che si sono date appuntamento nella frazione di Campagna, proprio dove si svolge FINO ALL’OSSO altra sagra di successo che noi di Braciamiancora abbiamo raccontato mesi fa. 

E come succede per questo evento anche per il mastodontico insaccato il ricavato è andato in beneficienza. Una somma di cinquemila euro devoluta ad una scuola di Camerino colpita nel 2016 dal terremoto.

Insomma, si può dire che a Lonato del Garda fanno le cose in grande perché in primis è il loro cuore ad essere immenso. Complimenti!

di Gianluca Bianchini 05/02/2018