SAPORI DI STAGIONE: FRUTTA, VERDURA E PESCE DI MAGGIO

A MAGGIO SIAMO NEL PIENO DELLA STAGIONE PRIMAVERILE. IL SOLE E LE BELLE TEMPERATURE CI REGALANO UNA RICCA VARIETA’ DI FRUTTA E VERDURA. POVERI DI CALORIE, AIUTANO A DISINTOSSICARCI DALLE TOSSINE E A FARE UNA CARICO DI VITAMINE. ECCO COSA NON PUO’ MANCARE NELLA DIETA PRIMAVERILE

SAPORI DI STAGIONE: I TIPI DI VERDURA

Le fave sono il legume tipico di Maggio e soprattutto dei pic-nic e delle scampagnate di questo mese. Ottime fresche con il pane, queste sono poco caloriche e molto ricche di vitamina B, di fibre (indispensabili nella regolazione delle funzioni intestinali), ferro proteine. Gli effetti benefici che possiamo ricavare da questo verdissimo legume sono soprattutto in termini di depurazione dell’organismo e di apporti energetici di cui il nostro corpo ha continuamente bisogno. Gli asparagi, le zucchine, i piselli e i fagiolini sono ricchissimi di sali minerali con proprietà diuretiche, indicate per chi ha bisogno di purificarsi. Usati come contorno o anche per condire i primi piatti oltre ad essere estremamente gustosi danno un buon senso di sazietà. Inoltre contengono potassio e vitamina A, utili a contrastare l’effetto nelle patologie cardiache e pressione alta. E ancora non trascurate nel vostro cesto della spesa asparagi, broccoli, carciofi, cicoria, finocchi, lattuga, rucola e barbabietole. Alla fine del mese compaiono i fiori di zucca, da preparare ripieni, in pastella, in primi piatti colorati e dal gusto delicato, o da utilizzare nelle classiche frittate.

Fave
Fave

SAPORI DI STAGIONE: LA FRUTTA
Protagoniste di sagre e feste in varie regioni italiane proprio in questo mese di Maggio, le nespole dal colorito giallo-arancio intenso sono ricchissime di vitamina C, calcio e carboidrati. Dalle proprietà astringenti per l’intestino soprattutto se mangiata ancora acerba, la nespola al contrario se mangiata molto matura acquista proprietà fortemente lassative. Ottime per prepare delle dolcissime e nutrienti confetture per la prima colazione.
Dal colore rosso intenso con la sua polpa zuccherina, la ciliegia che inizia a maturare proprio verso la fine di Maggio (fino a Luglio) è uno tra i frutti più apprezzati di questa stagione. Oltre ad essere degli antidolorifici naturali per combattere le infiammazioni alle articolazioni,i le ciliegie contengono una discreta quantità di vitamina AC. Sono uno spuntino rinfrescante e rivitalizzante, ideale nelle giornate più calde. Ricchissime di sali minerali e vitamina hanno notevoli proprietà lassative e depurative. Le fragole che hanno fatto capolino ad aprile, a maggio non possono mancare sulle nostre tavole.Rinfrescanti, dissetanti, diuretiche e depurative. rinfrescanti, dissetanti, diuretiche e depurative e ci aiutano a fare il pieno di vitamine e minerali. Contengono poche calorie e sono utilizzate per preparare marmellate o per preparare gustose e fresche macedonie. In ultimo ma ugualmente molto presente nei mercati e consumato in questa stagione, il kiwi ricco di vitamina C.
Antianemico e antisettico, nel kiwi si riscontrano anche alti contenuti di mineral,i e proprio per questa sua particolarità è in grado di regolare la funzionalità cardiaca e la pressione arteriosa. Diuretico e rinfrescante il kiwi è inoltre ottimo per rafforzare le difese immunitarie

Schermata 2015-05-05 alle 13.33.19
Fragole

SAPORI DI STAGIONE: IL PESCE A MAGGIO
Se facciamo attenzione a procurarci frutta e verdura di stagione, dovremmo imparare a fare lo stesso con il pesce. Nella scelta del pesce spesso ci si dimentica dell’importanza della stagionalità provenienza. Come la terra, anche il mare ha un suo ciclo vitale da rispettare e la disponibilità di pesce varia da mese a mese.
E’ molto importante quindi saper scegliere perché ciò influisce sulla qualità di ciò che mangiamo. Il Mediterraneo  è un mare ricchissimo di pesce azzurro (alici, sardine, aguglie, tonno, sgombro, lampuga, ricciola…), la varietà più ricca di omega 3, acidi grassi che hanno effetti benefici per il cuore e il sistema circolatorio. E ancora gallinella, spigola, sgombro, seppia, nasello, dentice, sugarello. Molti di questi sono pesci poveri della tradizione cucinati in modi diversi a seconda delle usanze culinarie del luogo.
di Donatella Carriera 07 maggio 2016
Il pesce azzurro: le alici
Il pesce azzurro: le alici

 
Nespole
Nespole