HomeRubricheNewsCINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO

CINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO

PUBBLICATO IL

spot_img

DIETRO UNA RISPOSTA SCORTESE SPESSO CI SONO UNA SERIE DI DOMANDE IMPERTINENTI EH SÌ, LA COLPA A VOLTE È ANCHE DEL CLIENTE ECCO CINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO 

Il macellaio moderno è un professionista a tutto tondo, animato da una sincera passione per la carne. Per accontentare la sua affezionata clientela viaggia, studia, si aggiorna, visita gli allevamenti e stringe rapporti direttamente con i fornitori.

Sceglie così i migliori capi per allestire il banco carni con tagli prelibati e vassoi colmi di preparati e pronto a cuocere fantasiosi. In non pochi casi è perfino un maestro norcino e qualche consiglio sull’American barbecue, se così si può dire, ve lo sa anche dare.

Insomma, il signor macellaio si fa un gran mazzo per stare al passo coi tempi e offrirvi un servizio che sia al top. In più, per non farvi mancare nulla si presenta in divisa tutto ordinato e sorridente, ampliando l’offerta con tanta gentilezza e cortesia.

Se qualche volta gli girano gli zibedei è perché qualcuno forse esagera, rivolgendogli delle frasi dal suo punto di vista legittime e anche innocue, ma che a ben guardare contengono un “pizzico” di irriverenza se non di vera e propria malizia.

CINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO: È FRESCA LA CARNE?

Ad esempio, “È fresca questa carne?” Come se un macellaio volesse auto flagellarsi proponendovi una taglio ossidato. Ma non esiste al mondo! Magari qualcuno lo fa (a sue spese perché perderà i clienti), ma se quella carne sfoggia un bel colore, delle interessanti venature di grasso e un aspetto nel complesso invitante, è una domanda da non fare.

se poi siete di coccio e continuate ad insistere con domande dello stesso tenore, tipo: “ma è buona?”, “ma non è troppo rossa?”, “ma si taglia davvero così?” non vi lamentate se al posto di un sorriso sul piatto della bilancia finisce qualche occhiataccia.

CINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO: UNA FIORENTINA DA 300 GRAMMI

”Mi da una Fiorentina da 300 grammi?” Beh, questa non è che sia una domanda da non fare, è una domanda che non esiste proprio, semplicemente perché una bistecca alla Fiorentina da 300 grammi è un ossimoro. Ricordate il detto “sotto le quattro dita è carpaccio?” Ecco, sottintende che il taglio alla Fiorentina pesa un bel po’, almeno dal chilo un chilo e due in su.

CINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO: MI TOGLIE IL GRASSO DALLA PICANHA?

”Mi toglie il grasso dalla Picanha?” è un’altra domanda senza senso e vi spiego il perché. Chiedereste mai a un invidioso di badare alla  vostra creatura o vi fareste mai tagliare i capelli con una scodella in testa?

La Picanha ovvero il codone, la chiappa del bovino per intenderci, ha proprio nel grasso il suo punto di forza. Quel grasso che sciogliendosi mentre cuoce sul fuoco dona al taglio quell’invitante caramellizzazione per cui è famoso.

CINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO: I TAGLI STRANIERI

C’è poi il partito dei poliglotti che vi chiede il Boston Butt, lo Scotch Fillet e l’entrana. Una richiesta al limite per almeno tre motivi: uno, non tutti sono obbligati a conoscere le terminologie straniere; due i tagli stranieri non corrispondono perfettamente a quelli italiani; tre se esagerate diventate incomprensibili e anche un po’ saccenti.

CINQUE COSE DA NON CHIEDERE AL MACELLAIO: UNA BISTECCA SOTTILE E MAGRA

Si giunge infine alla negazione del buon gusto e della buona tavola: “mi da una bistecca magra, sottile e tenera?” La risposta corretta sarebbe “certo signore e gliela cuocio pure cosi vedrà che bontà”. Il sarcasmo è evidente come è evidente la delusione del macellaio quando proponendo il taglio giusto per una bistecca, ovvero una costata spessa e marezzata con una giusta frollatura e il giusto prezzo si sente dire “ma non costa troppo?”

Che dire, se vi sorride ancora avete incontrato un santo, se gli scappa un improprio, accettatelo, tiene al suo lavoro e lo vuole fare bene.

di Gianluca Bianchini 24/08/2023

Gli ultimi Articoli

COME VERRANNO SELEZIONATE LE MIGLIORI 50 STEAKHOUSE D’ITALIA

LE 50 MIGLIORI STEAKHOUSE D'ITALIA VERRANNO PREMIATE ASSEGNANDO LE PRESTIGIOSE FIAMME DI BRACIAMIANCORA SIMBOLO...

QUESTO E-COMMERCE SI ISPIRA ALLE BOTTEGHE DI PROVINCIA

GRAZIE ALLA FILIERA RIZZIERI CON UN SEMPLICE CLIC FAI ARRIVARE A CASA TUA LA...

IL PESCE FROLLATO NON E’ UNA MODA

HO MANGIATO IL PESCE FROLLATO E HO CAPITO CHE NON E' UNA MODA MA...

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL FOOD PORN NON FA SCONTI: IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

COME VERRANNO SELEZIONATE LE MIGLIORI 50 STEAKHOUSE D’ITALIA

LE 50 MIGLIORI STEAKHOUSE D'ITALIA VERRANNO PREMIATE ASSEGNANDO LE PRESTIGIOSE FIAMME DI BRACIAMIANCORA SIMBOLO...

QUESTO E-COMMERCE SI ISPIRA ALLE BOTTEGHE DI PROVINCIA

GRAZIE ALLA FILIERA RIZZIERI CON UN SEMPLICE CLIC FAI ARRIVARE A CASA TUA LA...

IL PESCE FROLLATO NON E’ UNA MODA

HO MANGIATO IL PESCE FROLLATO E HO CAPITO CHE NON E' UNA MODA MA...