HomeArticoliI DUE CIPPI, UNA STORIA DI RISCATTO DI BRACE E DI SUDORE

I DUE CIPPI, UNA STORIA DI RISCATTO DI BRACE E DI SUDORE

PUBBLICATO IL

spot_img

LORENZO ANIELLO RISCRIVE LA STORIA DEL RISTORANTE I DUE CIPPI E BALZA AI PRIMI POSTI DELLA CLASSIFICA WORLD’S 101 BEST STEAK

Lui è Lorenzo Aniello. Maremmano innamorato della brace e della cucina. Nel 1976 il padre Michele apre I Due Cippi a Saturnia. Testa bassa e lavorare è il motto di famiglia. Ma nel dna di chi abita queste terre al lavoro duro si dà del tu. Non ci si spaventa della fatica. Anzi, quando manca è come se mancasse il sole. La storia dei Due Cippi prosegue. Papà Michele purtroppo ci lascia nel 2016 e il ristorante passa a lui e al fratello Alessandro. E c’è da decidere su come proseguire. Pochi dubbi: le radici, di quelle solide che resistono a tutto, le ha messe il papà, ma a loro spetta adesso il compito di far crescere altri rami, altre foglie e raccogliere altri frutti. E i frutti arrivano. Non subito, perché la fatica è una pianta che cresce lentamente e in Maremma le scorciatoie non sono un’opzione da prendere in considerazione. Mai.

Lorenzo Aniello - I Due Cippi
Lorenzo Aniello, proprietario del ristorante I Due Cippi

I DUE CIPPI, DA 0 A 100 IN UN ANNO

Cambia lo stile, cambia l’approccio, cambiano gli ostacoli e le fatiche e i Due Cippi diventano uno dei rarissimi ristoranti in Italia a coniugare fine dining, brace e carne. E iniziano ad accorgersene i clienti, poi qualche giornalista di settore, poi le guide specializzate, poi il web. Mentre questo accade Lorenzo rimane concentrato sulla brace perché tutto è partito da lì e sarà sempre la brace il centro di gravità della sua attività a prescindere dagli oneri e dagli onori a cui andrà in contro. Diffidente ai riflettori, ai like un tanto al chilo, preferisce le gocce di sudore che copiose scendono quando è in servizio. Nel 2022 tuonammo contro l’organizzazione che premia i migliori 101 ristoranti carnivori del mondo perché non fu inserito. Scrivemmo righe dure, molto dure.

Ristorante I Due Cippi
Un angolo del ristorante I Due Cippi

Lasciare ristoranti così fuori da quella graduatoria a nostro avviso è come lasciare gente come Baggio, Totti o Del Piero in panchina. In panchina ci vanno i gregari, non i campioni di razza. Il caso vuole che oggi i Due Cippi siano considerati il settimo ristorante carnivoro del mondo da quella classifica e che siano una mecca ambita da un certo pubblico che ama la carne. Merito di questo maremmano dal cuore puro, dalla passione indomita mezzo artista e mezzo artigiano e che oggi con garbo e in silenzio raccoglie con gli interessi tutti i successi meritati.

di Michele Ruschioni 1/05/2023

Gli ultimi Articoli

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE UN TEMPO DESTINATA A POCHI E'...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...

CI VUOLE DEL CORAGGIO PER PUBBLICARE LA GUIDA DI BRACIAMIANCORA

SOLO DEI CORAGGIOSI NONCURANTI DEL POLITICAMENTE CORRETTO IN SALSA VERDE POTEVANO PUBBLICARE UNA GUIDA...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE UN TEMPO DESTINATA A POCHI E'...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...