HomeRubricheNewsLA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO

LA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO

PUBBLICATO IL

spot_img

PRODOTTI DI ALTA QUALITÀ, BIOLOGICI E BIODINAMICI: LA BOTTEGA DI ROBERTO LIBERATI, UNA DELLE PIÚ FAMOSE DI ROMA E D’ITALIA, È UN VERO E PROPRIO PARADISO DELLA MACELLERIA. 

di Luca Iaccarino per Repubblica.it

Sarà questione di contrappasso o di karma, certo è curioso il fatto che uno dei più bravi e conosciuti macellai italiani sia stato, per dieci anni, sostanzialmente vegetariano. La cosa potrebbe sembrare contraddittoria, ma non lo è se è incarnata nel volto zen e nello stesso tempo arguto – un po’ alla Salman Rushdie, per intenderci – di Roberto Liberati.

LA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO - ROBERTO LIBERATI
LA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO – ROBERTO LIBERATI

Per chi vive al di fuori del GRA, la bottega di Liberati è la più celebre di Roma e sta nel quartiere popolare intitolato a Don Bosco. Lì suo padre avviò l’attività nel 1963; lì il bambino Roberto crebbe tra quarti e coltelli; da lì se ne andò, per studiare arte, architettura, per appassionarsi alle discipline orientali, allo Chi Kung (tipo lo yoga, però cinese), alla macrobiotica.

LA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO - LA BOTTEGA LIBERATI
LA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO – LA BOTTEGA LIBERATI

La vita sembra portare Roberto lontano dalla carne della sua carne – finisce ad appassionarsi agli impianti hi-fi di alto livello e ne fa un mestiere – ma, vent’anni fa, d’un tratto, il richiamo della medesima si fa troppo forte. A fine millennio torna a casa come il figliuol prodigo (e i vitelli grassi non mancano). Ma alla tradizione di famiglia lui somma le esperienze fatte per il grande mondo: la passione per la qualità, la cultura sui prodotti biologici e biodinamici, i suoi studi matti e disperatissimi.

LA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO - ROBERTO LIBERATI
LA STORIA DEL MACELLAIO VEGETARIANO – ROBERTO LIBERATI

Così, in due decenni – ora di anni ne ha 48 – il negozio diventa il primo a lavorare con prodotti bio certificati e tra i più amati del Buon Paese: “vorrei fare la mia parte per creare un pensiero consapevole sul cibo. La macrobiotica non proibisce la carne, ma riconosce che è un alimento molto potente dunque va amministrato con attenzione. Io la penso così: mangiarne la giusta quantità, secondo necessità, allevata in modo corretto e salubre”. Se volete provarla la trovate, anche cucinata, al Mercato Centrale dietro la stazione Termini, a Roma – dove Liberati collabora con l’allevatore Savigni di Sambuca Pistoiese – e forse, in futuro, nel cuore della città eterna: “stiamo cercando un negozio centrale. Ma con calma. Senza fretta”.

Gli ultimi Articoli

IL PESCE FROLLATO NON E’ UNA MODA

HO MANGIATO IL PESCE FROLLATO E HO CAPITO CHE NON E' UNA MODA MA...

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL FOOD PORN NON FA SCONTI: IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...

PERCHE’ LA FROLLATURA DELLA CARNE C’E’ SFUGGITA DI MANO

DIECI ANNI FA FROLLATURA DELLA CARNE NON LA CONOSCEVA NESSUNO OGGI ANCHE IL RISTORANTE...

SCOPRI ALTRI ARTICOLI SIMILI

IL PESCE FROLLATO NON E’ UNA MODA

HO MANGIATO IL PESCE FROLLATO E HO CAPITO CHE NON E' UNA MODA MA...

COSA ABBIAMO FATTO DI MALE PER MERITARCI LA WAGYUANARCHIA

IL FOOD PORN NON FA SCONTI: IL WAGYU LA PREGIATA E RICERCATISSIMA CARNE GIAPPONESE...

NON TROVO CAMERIERI MA NON VOGLIO PAGARLI DI PIU’

MI SONO RITROVATO PER CASO A FARE DUE CHIACCHIERE CON UNO RISTORATORE SUL DELICATO...