10 IMPRECAZIONI TOSCANE CHE SENTIRETE DURANTE UN BARBECUE NELLA TERRA DI DANTE

UN BARBECUE TRA PISA, LIVORNO, GROSSETO E FIRENZE NON E’ UN VERO BARBECUE SENZA LE IMPRECAZIONI! ECCO LE DIECI IMPRECAZIONI TOSCANE CHE SENTIRETE ALLA PROSSIMA GRIGLIATA (CON TANTO DI SPIEGAZIONE)

Dai, dammi la hohahola ho’ la hannuccia horta horta!. Amici toscani, quante volte vi hanno rivolto una frase del genere? Troppe. Sopratutto l’estate quando in Toscana arriva gente da fuori e che ci scambia per pappagalli a gettone. Chi scrive è toscano e l’ultima volta che un tizio mi ha chiesto di recitargli la storiella della “Hohahola” me ne sono uscito con un maremma maiala, sempre ‘odesta storia!” pensandoci me ne sarei potuto uscire con un “ir budello di tu ma” o un “ma ti levi di ‘ulo”. Ma quel giorno ho deciso di essere garbato. Oggi invece lo sarò di meno prendendovi per mano e accompagnandovi per la strada delle imprecazioni toscane. Quelle che potreste ascoltare qualora partecipaste ad un informale grigliata in terra toscana. Insomma poi non dite che non siete arrivati preparati.

dante
IMPRECAZIONI TOSCANE

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: BOCCACCIO DOCET

Nel dna di un toscano c’è impressa l’imprecazione, nemmeno fosse un tratto somatico. Il tutto esce con naturalezza, una naturalezza che trasforma una offesa gravissima in una normale esclamazione. Ma d’altronde, il toscano “garba” un po’ a tutti. E se lo stesso Boccaccio, nel suo Decamerone si lasciava andare a espressioni un po’ colorite, cosa può venir fuori durante una tipica braciata domenicale? Ce lo siamo chiesti e abbiamo cercato delle risposte. Il risultato? Le dieci imprecazioni (o esclamazioni se preferite) più utilizzate durante il barbecue in Toscana.

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: MAREMMA MAIALA, UN CLASSICO

Il “Maremma maiala”, accompagnato da tutta una eventuale serie di litanie, è un vero e proprio classico. Lo si usa semplicemente se non si trova il forchettone che da sempre usiamo perché qualcuno lo ha spostato. Ma anche se qualcosa non sta funzionando e delle enormi fiammate mettono a rischio la nostra adorata carne. Insomma, insieme a un toscano, vi capiterà senza dubbio di sentirlo ripetere più volte.

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: TU SE’ TUTTO GRULLO

Questa è riservata principalmente a quella categoria di amici che adora dispensare consigli e sciorinare teorie. Il problema è che se il griller in questione è un fiorentino doc e riceve un consiglio non gradito, vi risponderà così: Tu se’ tutto grullo, o tu lo fa’ a posta”. Spostandosi sul litorale invece potreste imbattervi nella sempre colorita variantema caa dici brodo?”.

IMPRECAZIONI TOSCANE
IMPRECAZIONI TOSCANE

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: ANCHE IL CANE LE ACCOMPAGNA

Anche nella provincia di Pisa ci sono molti modi forbiti per esprimersi nel caso in cui qualcosa non funzioni durante il barbecue. Per distrazione, viene toccata una parte rovente con conseguente ustione? Si leverà in cielo un “Cane delle berve ‘ome brucia”. All’occorrenza il “cane delle berve” può essere riadattato a “Cane dell’orso”. Vi state chiedendo perché Cane sia stato scritto con la c? Semplice, a Pisa la C non si aspira quasi mai.

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: PECULIARITÀ VERSILIESI
Molti di voi ricorderanno il buon vecchio Mario il Bagnino, del BagnoMaria, interpretato dal toscanissimo Giorgio Panariello. Ecco, una delle sue locuzioni preferite potreste sentirla utilizzare ai griller della Versilia. L’odore della carne che si confonde con la brezza marina, un’allegra domenica in buona compagnia. Ma a un certo punto: Marianna gane, voi venì a insegna’ a me ‘ome si ‘oce la ‘arne”.

IMPRECAZIONI TOSCANE
IMPRECAZIONI TOSCANE

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: QUANDO L’OFFESA DIVENTA IMPRECAZIONE

Questa è da usare con cautela. Soprattutto in presenza di non-toscani. Ma c’è da dire che nel caso del barbecue spesso si tende ad utilizzare espressioni di questo tipo verso esseri inanimati. Quindi l’offesa è un po’ fine a se stessa. Ma se la salsiccia che avevi appena disposto sulla griglia viene avvolta dalle fiamme fino a carbonizzarsi, si è proprio meritata un “budello di tu ma’”.

IMPRECAZIONI TOSCANE
IMPRECAZIONI TOSCANE

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: DAL “BUDELLO” AL “TEGAME”

Certo, parlare di pentole e tegami durante un barbecue non sempre è appropriato. Ma certo lo diventa se il “tegame” in questione non è inteso in senso fisico ma lo si usa ancora una volta sotto forma di metafora per lenire un qualche dolore (anch’esso non necessariamente fisico). Se avete commesso il grosso errore di fidarvi di qualcun’altro, per esempio, per prendere il tempo di cottura della vostra bistecca e costui vi ha fatto rovinare una tale meraviglia, il griller toscano si affiderà a una sola breve frase: “ir tegame di tu ma’. E probabilmente, per far sì che l’errore venga compreso, aggiungerà anche “tu dovehi fa’ una hosa sola”. Giusto per essere certi che il malcapitato si senta debitamente in colpa.

maremmamaiala
IMPRECAZIONI TOSCANE

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: QUANDO L’IMPRECAZIONE È FIGLIA D’ARTE

In Toscana, durante un barbecue con gli amici, anche imprecando è possibile tirar fuori citazioni artistiche di un certo livello. Succede in particolare quando la rabbia è tanta e serve una di quelle imprecazioni da zittire tutti: per esempio, il cane ti taglia la strada mentre felice e saltellante stai portando la bistecca cotta alla perfezione in tavola. È lì che potrebbe uscire un’imprecazione che il compianto Carlo Monni, storico artista e comico toscano, ha utilizzato in molti suoi spettacoli: “Maremma maiala impestata lurida arroventata…” e chi più ne ha più ne metta.

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: QUANDO L’IMPRECAZIONE LASCIA IL POSTO ALLO STUPORE

Può capitare che l’imprecazione, sempre presente nel colorito modo di parlare toscano, possa lasciare lo spazio a esclamazioni cariche di emozioni e stupore. Lungo il litorale, tra le province di Pisa e Livorno, di fronte a una bellissima bistecca qualcuno potrebbe lasciarsi andare, stupito da cotanta bellezza: “Bada lì che bisteccone l’è vello lì”. Potrebbe completare la frase un ‘osa ci vole il porto d’armi per cocillo?

IMPRECAZIONI TOSCANE
IMPRECAZIONI TOSCANE

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: RISPONDERE ALLE PROVOCAZIONI

Una delle cose che il toscano medio odia di fronte al barbecue, se non si fosse ancora capito, è il sapientone che vuole insegnare tutto. Non è presunzione, ma semplicemente quando un toscano si sta cimentando in qualsivoglia impresa, vuole adoperarsi senza che nessuno si intrometta in modo troppo invadente. Anche perché spesso capita che tra una bistecca e l’altra, ascolti con attenzione tutto aspettando di cogliere il suo interlocutore in fallo. E quando magari qualcuno arriva a dirgli “ma perché non la condisci prima?” oppure “girala anche se ancora non si stacca dalla griglia sennò si brucia” ecco, lì scatta in automatico “ma di hosa ragioni bischero” oppure, a seconda della zona in cui vi trovate, potreste sentir dire “ma te c’hai i pioppini ner capo per davvero”. Due frasi semplici e sufficienti a far capire all’amico sapientone che forse le sue teorie non erano poi così esatte.

T-Bone
IMPRECAZIONI TOSCANE

IMPRECAZIONI TOSCANE DURANTE UN BARBECUE: QUANDO “LA MAREMMA” È UN RAFFORZATIVO

Chiosa finale dedicata alla sempiterna “maremma” intesa come rafforzativo e non come imprecazione. Capita infatti che di fronte a qualcosa di strabiliante, a sapori unici e irripetibili, il griller toscano sedutosi a tavola per gustare la propria opera d’arte si lasci andare a espressioni di autocompiacimento. Immaginate una bistecca alta almeno quattro dita, dentro ancora rosa ma calda al punto giusto, una carne che si scioglie in bocca. Dopo il primo boccone, scatterà automatica l’esclamazione: “maremma maiala ‘om’è bona!”. Perché in Toscana in molti casi, l’unico modo per esprimere al meglio lo stupore, la tensione o la rabbia è sempre lo stesso: “maremma maiala!”.

di Davide Perillo 27/09/2016